abries_logo_scritta.pngacquaviva_logo_scritta.pngassociazionemolisana_logo_scritta.pngbesa_logo_scritta.pngchateauneuf_logo_scritta.pngfocuseurope_logo_scritta.pnggradomis_logo_scritta.pnglogo_scritta.pngmontecilfone_logo_scritta.pngmontemitro_logo_scritta.pngorosei_logo_scritta.pngperosa_logo_scritta.pngpomaretto_logo_scritta.pngprali_logo_scritta.pngsanfelice_logo_scritta.pngsanmarzano_logo_scritta.pngshkoder_logo_scritta.png

Articoli

Usare le Estensioni

Il CMS Joomla!® ti permette di creare pagine web di vario tipo usando le estensioni. Ci sono 5 tipi di estensioni: componenti, moduli, templates, traduzioni e plugins. L'installazione di base è provvista delle estensioni necessarie per creare un sito web di base in inglese, ma ci sono migliaia di estensioni addizionali di tutti i tipi. La Joomla! Extension Directory (JED) è la più grande directory di estensioni per Joomla!®!.

Leggi tutto...

Professionisti

Joomla!® prosegue lo sviluppo del CMS e del Framework di Joomla!® offrendo uno strumento potente e flessibile per la realizzazione di siti web. Il pannello di amministrazione, ora totalmente MVC, permette di controllare e gestire completamente sia l'aspetto che la gestione delle estensioni.

Leggi tutto...

Principianti

Se questo è il tuo primo sito in Joomla!® o il tuo primo sito web in assoluto, sei arrivato nel posto giusto. Joomla!® ti aiuterà a realizzare il tuo sito web rapidamente e facilmente.

Inizia a lavorare sul tuo sito effettuando il login con l'account amministratore che hai inserito durante l'installazione di Joomla!®.

Leggi tutto...

Usare Joomla!

Con Joomla puoi creare tutto da un semplice sito personale a un articolato sito di ecommerce o un social network con milioni di utenti.

Questi dati di esempio ti forniscono una rapida introduzione ai concetti di Joomla e materiale di riferimento per aiutarti a capire come funzionaa Joomla.

Quando non avrai più bisogno dei dati di esempio, potrai semplicemente sospendere la pubblicazione dell'intera categoria dei dati di esempio che trovi all'interno di ogni estensione nel pannello di amministrazione, o se preferisci puoi eliminare completamente ogni elemento e ogni categoria.

2°EVENTO SCUTARI: LINGUE MINORITARIE, POLITICHE E LEGISLAZIONE EUROPEA, NAZIONALE, LOCALE



La città di Scutari - Shkodra in albanese - ha ospitato dal 6 al 9 maggio 2013 il secondo dei quattro eventi previsti dal progetto .
L'evento è stato dedicato alle “Politiche e legislazione a livello locale, nazionale ed europeo per la tutela e promozione delle lingue minoritarie” e ha visto la partecipazione delle amministratori locali, responsabili degli sportelli linguistici, docenti ed esperti di lingua, rappresentati di associazioni locali e cittadini.

Sono stati presentati in Albania i progetti locali realizzati o in fase di realizzazione, gestiti a livello di sportelli linguistici, unioni di comuni o comunità montane, singoli comuni. Dal progetto “Coltivare parole”degli sportelli linguistici per l’occitano che promuove la lingua ripercorrendo la strada che unisce il saper fare e la costruzione dell’identità (www.coltivareparole.com), all’organizzazione e promozione dei vari eventi culturali dell’Unione dei Comuni Besa (composta dai comuni di Contessa Entellina, Mezzojuso, Piana degli Albanesi, Palazzo Adriano e Santa Cristina di Gela), vera e propria unione tematica, unica nel panorama nazionale,e nata per la gestione associata delle funzioni di tutela, promozione e sviluppo del patrimonio culturale arbereshe. Il Comune sardo di Orosei ha presentato progetti di produzione di materiale didattico nelle scuole e un lavoro di ricerca su “Comente naschit una limba” nell’ambito di un corso di formazionepromosso dall’Università di Cagliari. Dal Comune di San Marzano di San Giuseppe è nata già l’esigenza, in un’ottica di continuità del progetto, di avanzare una nuova proposta progettuale che anche allargando la rete del progetto Euronetlang metta insieme non solo il patrimonio linguistico, ma tutto il patrimonio culturale immateriale di questi territori, in una logica di stretta integrazione tra ambiente, cultura e turismo.

Lo scambio di esperienze tra i territori coinvolti a partire dal patrimonio linguistico ha permesso di rintracciare quella storia comune europea, che è anche storia di migrazioni dall’Albania all’Italia, e ripercorrere i tratti di un’identità che si basa su lingua, cultura, storia e acquista la sua dimensione unitaria all’interno dell’Europa. La diversità linguistica e culturale è il valore aggiunto dell'Europa che da sempre riconosce la sua ricchezza e il suo fondamento politico-culturale nel motto “Unità nella diversità”.


Documenti

Programma
Programma ENG
Abstract evento ITA
Abstract event ENG
Best paractices ITA
Best practices ENG

Legautonomie, Euronetlang project
Programma Europa per i cittadini
Focus Europe, Programma di apprendimento permamente ( LLP)



Politiche e legislazione europea, nazionale, locale: progetti di promozione e tutela della lingua

Comuni Perosa Argentina, Pomaretto, Prali
Comune di Pomaretto: lingue minoritarie nell'area occitana, quale futuro?
Comune di Orosei: leggi europee, nazionali e locali a confronto
Comune di San Marzano di San Giuseppe: progetto per un portale delle minoranze linguistiche
Comune di San Marzano di San Giuseppe:progetto per un portale delle minoranze linguistiche ( relazione)
Unione dei Comuni Besa: attività e proposte

Rassegna stampa

Primonumero.it - 14/05/2013 "Minoranze linguistiche: delegazione molisana all’incontro in Albania
Termoli Tv - 14.05.2013
La Nuova Sardegna online 30.05.2013 "Legame tra lingue minoritarie l'adesione all'euronetlang"

3°evento POMARETTO:LINGUE MINORITARIE E INVECCHIAMENTO ATTIVO



Le terre occitane delle Valli Chisone e Germanasca hanno ospitato, dal 24 al 27 ottobre, il terzo evento del progetto “EuroNetLang” dedicato al tema “Lingue minoritarie e invecchiamento attivo”.
Comuni e le comunità di Pomaretto, Prali e Perosa Argentina (Piemonte) con le associazioni locali hanno accolto la delegazione europea e sono stati sede della tre giorni di seminari, worshop, visite del territorio.

In relazione agli obiettivi dell’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni 2012 sono stati presentati progetti di ricerca e iniziative comuni fra giovani e anziani, tenendo conto dell’importante contributo che le “vecchie generazioni” possono offrire ai fini della tutela e della promozione della cultura e della lingua minoritaria, in quanto spesso unici, autorevoli e più autentici portatori della memoria storica. Di particolare interesse la presentazione dell’ Atlante toponomastico del Piemonte montano, progetto gestito dall’Università di Torino e diretto alla tutela del patrimonio toponimico di tradizione orale della montagna.
L’importante contributo della società civile nella promozione e tutela della cultura locale è stato testimoniato dalle associazioni culturali locali (La Valaddo, Poggio Oddone, La Teto Aut, Amici della Scuola Latina) da sempre impegnate nella promozione della conoscenza della lingua, della cultura e della civiltà provenzale a mezzo di conferenze, manifestazioni e pubblicazioni.

Ma l’evento è stata anche occasione per presentare progetti di sviluppo locale che mettono insieme cultura, ambiente e turismo. La visita all’Ecomuseo Regionale delle miniere della Val Germanasca ( Scopriminiera e Scopri Alpi finanziati da fondi europei di cooperazione interregionale) e quella agli “Antichi mestieri” rientrano nell’ambito di un più ampio progetto di cultura materiale volto alla creazione di una rete ecomuseale che fa cardine sul riconoscimento identitario di una comunità con il proprio territorio e sulla valorizzazione delle specificità locali. Un buon esempio di riconversione e di risposta alla crisi economico-occupazionale che ha investito dapprima l’attività estrattiva del talco, poi il settore del tessile e infine l’indotto collegato alla Fiat. Le valli Germanasca e Chisone, oggi, investono in cultura, storia e ambiente. Investono nel loro più grande patrimonio: la bellezza della loro montagna





Documenti

Programma_ITA
Programme FR
Programme ENG
Decisione PE Anno europeo invecchiamento attivo 2012
Dècision du PE Année europeénne du vieillissement actif 2012

New programmes 2014-2020


Lingue minoritarie e Anno europeo dell'invecchiamento attivo

Invecchiamento attivo: il caso di San Marzano di San Giuseppe
M. Margherita, sportello linguistico comune San Marzano San giuseppe, dal racconto al teatro
A. Bala, comune di Scutari
M.Neri, vicesindaco Comune Aquaviva Collecroce
J.Mattu, Politica linguistica in Sardigna
M.T.Mula, Il comune di Orosei

Rassegna stampa

Termoli Basso Molise 29.10.2013, Minoranze linguistiche al centro dell'integrazione comunitaria
La Nuova Sardegna 31.10.2013, Delegazione del Comune all'Euronetlang





1°Evento Orosei: LINGUA E CULTURA





Si è svolto in Sardegna, nel Comune di Orosei, il progetto “EuroNetLang - European network of language minorities”, finanziato dall’Unione Europea e sostenuto da Legautonomie, diretto a promuovere la cooperazione tra Comuni europei sul tema delle minoranze linguistiche.
Orosei ha ospitato la prima tappa del progetto europeo che coinvolge 14 Comuni dell’Europa, 4 Paesi – Italia, Croazia, Albania e Francia – e le minoranze di lingua arbereshe, sardo, occitano, bretone e croato.

Scopo del progetto è stato definire e consolidare una rete europea di Comuni sul tema delle minoranze linguistiche, una piattaforma di riferimento ove scambiare esperienze e buone pratiche, ma anche idee progettuali e di valorizzazione delle lingue minoritarie, nonché fornire modelli replicabili in ambito europeo.

Ad Orosei sono stati tre giorni di seminari, workshop, dibattiti e laboratori culturali a Orosei con amministratori locali, operatori ed esperti linguistici, scuole, associazioni e cittadini, per condividere le buone prassi e le esperienze in tema di interculturalità.

Il tema della lingua come fondamento culturale identitario è stato ampliato con i laboratori musicali e canori dove grande spazio è stato dato al canto a tenore. Molto apprezzate le dimostrazioni pratiche e le esibizioni di tanti musicisti, cori e gruppi folk locali.


Documenti
Programma
Programma ENG
Programma FR
Manifesto Sardo-Italiano
Manifesto Inglese-Francese
Brouchure

Lingua e cultura: materiali e interventi presentati

J. Mattu, Politica linguistica in Sardigna
Comune di San Marzano di san giuseppe: comunità arberesh tra identità e storia
Videogame in limba sarda "Si ses atzudu, ajò!", Sara Firinu ( operatrice linguistica)
S. Firinu "Si ses atzudu ajò!sa limba de sos giovanos, sa limba pro sos giovanos ( L.482/99)
G. Gaia, Laboratoriu didaticu FILS, Sa poesia sarda e ateru in sa didatica
M.Mereu, Didatica de sa limba:fainas e medios
A. Mongili, Longhesa e trèulu in is protzessos de istandardizatzione: su casu de sa Limba Sarda Comuna
G. Piras, A manera mia, esperièntzias de isperimentatzione de sa limba sarda in iscola
Comune di Pomaretto, Lingue minoritarie e cultura nell'area occitana
La scuola che cambia: metodi per l'apprendimento della lingua minoritaria occitana
Comune di Perosa Argentina, Perosa gustosa


Rassegna stampa

Italia Oggi 26.10.2012
La nuova Sardegna 27.10.2012
La Nuova Sardegna 23.10.2012
La Nuova sardegna 2.11.2012
Unione Sarda 22.08.2012
Unione Sarda 30.10.2012
Limbas et Natziones 30.10.2012