abries_logo_scritta.pngacquaviva_logo_scritta.pngassociazionemolisana_logo_scritta.pngbesa_logo_scritta.pngchateauneuf_logo_scritta.pngfocuseurope_logo_scritta.pnggradomis_logo_scritta.pnglogo_scritta.pngmontecilfone_logo_scritta.pngmontemitro_logo_scritta.pngorosei_logo_scritta.pngperosa_logo_scritta.pngpomaretto_logo_scritta.pngprali_logo_scritta.pngsanfelice_logo_scritta.pngsanmarzano_logo_scritta.pngshkoder_logo_scritta.png

VISITA PRIVATA DELL’AMBASCIATORE DELLA REPUBBLICA DI ALBANIA – Prof. Neritan CEKA, IN SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE .

Prima di raggiungere la provincia di Lecce per impegni ufficiali, il titolare dell’Ambasciata della Repubblica di Albania in Italia, Prof. Neritan CEKA, unitamente alla propria signora e il figlio, ha voluto, in visita privata, fare una breve sosta nel Comune di San Marzano di S.G., comune arbëreshë della provincia di Taranto, ancora custode della lingua e delle tradizioni dell’Antica Albania.
Accolto dal Sindaco, On. Dott. Giuseppe Tarantino, accompagnato dalla consorte, prof.ssa Antonietta Cotugno, da alcuni amministratori locali e dalla responsabile dello sportello linguistico, Dott.ssa Marisa Margherita, l’ambasciatore ha manifestato tutto il suo sincero interesse per ciò che l’unica comunità albanofona di tutto il Salento ancora esprime sotto il profilo culturale, linguistico e architettonico, in cui sono fortemente visibili le radici delle proprie antiche origini albanesi. Il diplomatico, che già aveva avuto occasione di conoscere altre realtà arbëreshë di altre Regioni d’Italia, è rimasto sorpreso nel constatare che l’antica lingua in San Marzano, ancora gode di un buono stato di salute ed ha potuto apprezzare l’impegno con cui l’amministrazione comunale e lo sportello linguistico si adoperano per la tutela e il recupero di un così grande patrimonio. Molto entusiasmo e senso di tenerezza hanno anche suscitato nell’ambasciatore due bambine delle scuole elementari che, per puro caso, transitavano nei pressi del monumento dedicato a Giorgio Castriota Skanderbeg, posizionato nei pressi della Chiesa Madre dove nei secoli scorsi sono state edificate le prime case del paese. Alla domanda del diplomatico se sapessero parlare in albanese hanno prontamente risposto di conoscere solo poche parole ma di comprenderne molte di più, e a dimostrazione della loro bravura hanno, con orgoglio, voluto intonare alcune strofe di un antico canto popolare, rivalorizzato, come tante altre cose della lingua del passato, attraverso i corsi promossi dalla scuola d’intesa con lo sportello linguistico, nel contesto della realizzazione dei vari programmi didattici. Nel salutare il sindaco e i presenti con un cordiale arrivederci, l’ambasciatore ha anche ringraziato tutti per la calorosa accoglienza, esprimendo il proprio orgoglio per l’impegno che una comunità delle sue stesse origini esprime in termini di operatività, cultura e capacità di farsi conoscere in tutto mondo anche per l’eccellenza di alcuni suoi prodotti.