abries_logo_scritta.pngacquaviva_logo_scritta.pngassociazionemolisana_logo_scritta.pngbesa_logo_scritta.pngchateauneuf_logo_scritta.pngfocuseurope_logo_scritta.pnggradomis_logo_scritta.pnglogo_scritta.pngmontecilfone_logo_scritta.pngmontemitro_logo_scritta.pngorosei_logo_scritta.pngperosa_logo_scritta.pngpomaretto_logo_scritta.pngprali_logo_scritta.pngsanfelice_logo_scritta.pngsanmarzano_logo_scritta.pngshkoder_logo_scritta.png

Comune di San Marzano di San Giuseppe

San Marzano di San Giuseppe (Shën Marcani in lingua arbëreshë) è un comune di 8.972 abitanti della provincia di Taranto, in Puglia.

La comunità, insieme a Casalvecchio di Puglia (Kazallveqi) e Chieuti (Qefti), è di storia, costumi e lingua albanese - detta nel proprio idioma arbëreshë - l'unico comune del Salento in cui si conserva ancora l'antica parlata albanese, l'arbëreshë, dovuta allo stanziamento, a partire dal XV secolo, di popolazioni albanesi provenienti dall'Albania e dalla Chameria, questa attualmente nord della Grecia.

STORIA 

Il paese di San Marzano fu costruito da esuli albanesi in fuga dall'Albania e dalle proprie terre a causa dell'invasione turca dei Balcani. Riusciti a salvarsi dall'orda ottomana di fede musulmana, gli albanesi, si instaurarono in Puglia formando nuovi villaggi secondo le proprie esigenze, tradizioni, usi e costumi. Qui ricrearono la propria terra abbandonata, l'Albania, riuscendo a coltivare e a mantenere vitale la propria identità, nell'aspetto linguistico e religioso. Gli esuli albanesi, gli arbëreshë, erano di fede ortodossa, e professavano le liturgie secondo le antiche preghiere orientali in greco e albanese. Il rito bizantino si perse a San Marzano nel 1622, a causa delle pressioni della chiesa latina che spingeva e, infine, obbligò a sopprimere agli albanesi di Puglia l'antico rito portato gelosamente dai propri avi. Uno dei motivi che spinse queste popolazioni a lasciare l'Albania fu la ricerca della libertà religiosa (ortodossa) e identitaria (albanese). La latinizzazione sfrenata e furente di San Marzano ha accelerato il processo di assimilazione e la scomparsa di un mondo ricco d'identità, usi, costumi e suggestioni balcaniche. Dalla metà del Novecento l'identità arbëreshe di San Marzano è stata rivalutata e ripresa, sono nati gruppi folk, sono avviati corsi pubblici e privati di lingua albanese e la cultura d'origine è stata interessata da particolare interesse e attenzione. Alcune delle istituzioni e delle associazioni più importanti per il mantenimento dell'identità sono: Gruppo folk "Katundy në Zembra", Pro Loco "Marciana", Biblioteca comunale "Carmine de Padova", e gli Istituiti Comprensivi "Casalini" e "Castriota".

LINGUA

La conservazione della lingua albanese è ciò che differenzia ancora oggi la comunità di San Marzano da tutte le altre della provincia ionica. L'estraneità alla cultura e all'economia tarantina e pugliese in genere, ha permesso la conservazione dell'identità etnica, e di conseguenza linguistica, con le sue espressioni rituali e folkloristiche. A distanza di cinque secoli dall'insediamento la lingua albanese d'origine è sopravvissuta ed è parlata dalla comunità, dagli anziani e dai più giovani del paese, e per oltre quattro secoli è stata volutamente l'unica forma di comunicazione verbale. La lingua albanese parlata a San Marzano è la variante linguistica del dialetto tosco parlato nell'Albania centrale e meridionale. Purtroppo oggi si assiste ad una perdita lenta del patrimonio linguistico albanese, derivante da molte cause negative quali ignoranza, matrimoni misti e trascuratezza, sia amministrativa che familiare. Uno degli studiosi contemporanei di lingua e cultura albanese più importanti di San Marzano è Carmine de Padova ("Melino"), sostenitore dell'insegnamento nelle istituzioni scolastiche della lingua albanese e di una seria ripresa dei valori e dell'identità su cui fonda la comunità. Il prof. de Padova ha iniziato nel dopoguerra a studiare e far emergere le antiche culture della Puglia. Più grande intellettuale e storico contemporaneo di San Marzano, ha dato un importante contributo culturale alla comunità, dedicando tutta la sua vita a continue ricerche storiche, sulla vita e i costumi di San Marzano di San Giuseppe ed alla storia degli Albanesi d'Italia. Le sue opere scritte nella parlata albanese di San Marzano sono una importante testimonianza storica oltre che scientifica. Fra le sue opere maggiori di ricerca ci sono: "Dy Miqte" (I due amici) del 1998, e "San Marzano, storia, tradizioni, folkore dell'unico paese Arbereshë in Puglia".


Comune San Marzano San Giuseppe

PRO LOCO MARCIANA-SPORTELLO LINGUISTICO